Federico II


Da La Torre Normanna,

  Nella categoria:

La Camera

Camera matrimoniale (quadrupla per famiglie) con aria climatizzata, terrazzo,TV a schermo piatto,frigobar, cassaforte, bagno privato con doccia e vasca idromassaggio, asciugacapelli, specchio e set di cortesia.

  • La camera si trova al 1° piano, senza ascensore.
  • Pulizia giornaliera in camera.
  • Parcheggio antistante la struttura riservato e gratuito.
  • Wi-fi free in tutta la struttura.

Tariffe

  • Pernottamento 1 notte € 80,00

 

Leggi le nostre informazioni, termini e condizioni, e consulta il tariffario completo.

 

Un po’ di storia

FEDERICO II di Svevia (1194-1250)

I contemporanei di Federico II lo avevano soprannominato stupor mundi (meraviglia del mondo) ed in effetti fu sicuramente la personalità più controversa del suo tempo.

Diventato imperatore, lottò tutta la vita per mantenere intatto il suo potere.

Costretto dal papa ad una crociata in terra santa, riuscì a concluderla vittoriosamente senza spargere sangue; per questo motivo (per il papa era inammissibile un accordo con gli infedeli) il pontefice lo dichiarò anticristo, scatenando contro di lui una interminabile guerra.

Federico, aveva vaste cognizioni di agronomia e botanica, promuoveva bonifiche, progettava canali d’irrigazione. Voleva che ogni palmo di terra fosse coltivata, e chi trascurava il proprio podere era obbligato a spogliarsene in favore del proprio vicino.

Sviluppò il commercio incoraggiando scambi con tutti i paesi mediterranei, dalla Spagna alla Tunisia, all’Egitto alla Grecia. I suoi mercanti si spinsero fino in India.

Mai l’Italia meridionale fu così prospera, potente e temuta.

Ghibellino e laico, lottò contro le ingerenze della Chiesa negli affari dello Stato.

Punì il clero che pensava più alla politica che ai compiti pastorali, secolarizzò l’amministrazione cacciandone i preti che dappertutto altrove la monopolizzavano, e creò una adeguata classe dirigente fondando l’Università di Napoli (la prima università pubblica).

La sua corte era un luogo di delizie, pullulava di odalische, buffoni, eunuchi, musicisti , nani, giocolieri.

Scrisse un trattato sulla falconeria, “De arte venandi” che nel medioevo ebbe una grandissima popolarità.

Alla sua corte diede i primi vagiti la lingua italiana,o volgare.

Era anche un buon poeta e i suoi componimenti sono stati lodati da Dante in persona.

Frequentava filosofi ebrei, scienziati spagnoli, matematici siriani, ed aveva una curiosità inestinguibile per tutte le forme di cultura.

Con lui scomparve di certo il protagonista più inquieto e moderno del medioevo.

 

I nostri Servizi

Wi-fi gratis in tutte le camere della struttura

Parcheggio pubblico

Reception e pulizia camere

Le nostre camere

Contattaci con Messengerfacebook La Torre Normanna